Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La sede

 

La sede
FotografiaDescrizione
L’Istituto Italiano di Cultura di Mumbai è ospitato presso il Consolato Generale d'Italia, nel palazzo chiamato Kanchanjunga, progettato dall'acclamato architetto indiano Charles Correa.
Il Kanchanjunga fu la risposta alla crescente urbanizzazione e alle condizioni climatiche della regione. Costruito fra il 1970 e il 1983, è situato nel centro della città, nel quartiere di Cumballa Hill.
A Mumbai, una costruzione deve avere un orientamento ovest-est per ricevere la brezza del mare e per aprirsi al panorama della città. Ma sfortunatamente questa è anche la direzione del sole e delle piogge monsoniche. Per i bungalow questi problemi vengono risolti avvolgendo con grandi teli tutte le verande, creando due linee di difesa contro le avversità climatiche.
Correa ha spinto il suo genio verso gli estremi, come appare evidente osservando le quattro diverse tipologie di appartamenti incastrati uno con l’altro. Tale gioco di incastri ha creato uno scudo naturale contro le avversità climatiche tramite verande giardino sospese nell’aria. Chiaramente l’architetto si è ispirato alla costruzione di Le Courbusier conosciuta come Unite d’Habitation costruita a Marsiglia nel 1952. 
Mentre il cemento e le grandi aree di pannelli bianchi ricordano da vicino gli appartamenti moderni dell'occidente, le grandi terrazze sono una moderna interpretazione delle tipiche verande che si trovano in tutti i bungalow indiani.

15